targhe moto

  • Targhe per motociclette dal 1927 al 1994

    Le targhe da motocicletta emesse a partire dal 1927 fino al 1995, sono molto simili a quelle automobilistiche. Aspetto: le targhe erano inizialmente fatte di metallo, ma in seguito, come per le auto, tra il 1963 e il 1985, fu adottata la plastica. All'inizio erano bianche su nero, poi dal 1935 sono diventate blu su bianco, anche se in molti casi il blu era molto scuro, anche per via di eventuali ripassate di colore, tanto da diventare quasi nero: tra il 1935 e il 1936 furono sostituite tutte le targhe già rilasciate, mantenendo, comunque, lo stesso numero.
    Sistema di numerazione: il sistema seguito sulle targhe da moto non si discosta di molto da quello per le automobili: due lettere o la scritta "Roma" come sigla di provenienza e fino a 6 numeri. La sigla di provenienza segue il numero se questo ha 4 o meno cifre, mentre lo precede se le cifre sono 5 o 6.

    Stemmi: come le targhe per auto, anche quelle da moto hanno avuto diversi punzoni ufficiali come separatori: il fascio dal 1927 fino alla seconda guerra mondiale, lo stemma dell' Associazione Mutilati e Invalidi di Guerra fino al 1948 e infine il sigillo delle repubblica italiana fino al 1995. Nei primi due anni (1949 - 1951) questo era di dimensioni nettamente maggiori.

    Le targhe anteriori non sono mai state utilizzate sulle motociclette in Italia, anche se è possibile trovare alcune vecchie fotografie in cui una targa è montata longitudinalmente sopra il parafango anteriore, con il numero da entrambe le parti: si tratta di targhe non ufficiali e di fantasia. Le uniche motociclette a montare una targa anteriore erano quelle del Regio Esercito, della Milizia della Strada e della Decima MAS.